Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘packaging del vino’ Category

E’ molto, troppo tempo, che non Vi aggiorniamo tramite le pagine del nostro blog.

Troppi impegni e alcune distrazioni, ma cercheremo di rimediare a breve con alcune “succose” novità.

Nel frattempo, leggete cosa scrive di noi Cristina Mariani di Marketing Low Cost sulla Sua nuova rubrica “Piccole Imprese, Grandi Idee “ direttamente sul sito del Corriere della Sera

Annunci

Read Full Post »

Ed eccoci qui a recensire per gli amici di OneGlass grazie al loro Tasting Panel.

Primi di tutto, chi è o cos’è OneGlass.

In estrema sintesi è una confezione monodose, da 100 ml per l’esattezza, di vino in un packaging decisamente diverso ed evoluto, contenenti 4 tipologie di vino, 2 bianchi, Toscana Igt Vermentino 2009 e Pinot Grigio delle Venezie 2009  e 2 rossi Cabernet Sauvignon delle Venezie 2008 e Toscana Igt Sangiovese 2008


Per maggiori info a riguardo Vi rimando direttamente al loro sito

Ma veniamo al Taasting Panel,

Qui è come si presenta il packaging per il nostro Tasting Panel.

Mi ha colpito in positivo questa forma inconsueta di libro in cartone per la presentazione,

un grosso folder 

dove vi è sia una brochure di presentazione del prodotto, 
abbastanza informale, ma elegante nel suo colore nero

sia un esempio concreto di cos’è OneGlass, 
con tanto di campione per un test dal vivo.

Nel complesso è una bella presentazione, di sicuro impatto visivo ed emotivo dato anche dal tatto di una “brochure” del genere, sicuramente ingombrante dato che deve contenere una confezione vera del prodotto, siamo nell’ordine dei 5 cm di spessore come si può vedere qui sotto.

Avrei preferito trovare più informazioni sul tipo di prodotto, anche in termini di produttori del vino stesso e sulla scelta del packaging così lontano dai comuni canoni di confezionamento del vino, piuttosto che dati statistici relativi al mondo vinicolo all’interno della brochure.
Il packaging di OneGlass è in poliaccoppiato alimentare per liquidi prodotto in Italia.
( poliaccoppiato è un termine complicato? no, lo conoscete tutti dai, l’esempio più famoso in questo senso è sicuramente dato da Tetrapack )

Il packaging ha sicuramente beneficiato di una precisa linea guida e di uno studio per quanto riguarda sia la forma, che trovo davvero simpatica nella usa forma di bottiglia,

sia nei colori, qui di base è stato scelto il nero, sia nel sito istituzionale, che nella brochure, che nel packaging appunto.

Ebbene, qui non sono in linea con il pensiero dell’azienda.
Avrei preferito dei colori diversi per il packaging di prodotto, perché credo sia un prodotto che di base debba essere gioviale, scherzoso ed allegro, quindi la scelta del nero qui mi pare davvero troppo austera, anche se nel complesso grazie ai differenti colori scelti per le varie tipologie di vino, che ricordiamo essere 4, sono comunque ben distinguibili tra di loro a colpo d’occhio.
Ma è ovviamente una mia personalissima opinione.

Per quanto riguarda la qualità del vino, vi rimando all’amico Fabrizio, aka Enofaber , che mi trova concorde , io aggiungerei che sono vini semplici, senza che questo debba essere un fattore negativo, anzi.

Il packaging di OneGlass e la sua praticità l’ho testato sul “campo” in due differenti giornate, venerdì scorso rientrato dall’ufficio ho testato i due vini bianchi proposti, un Vermentino toscano ed un Pinot Grigio.
Siccome faceva decisamente caldo, ho aperto il freezer e vi ho messo dentro le due confezioni, senza troppa cura ad onor del vero, nel primo spazio disponibile.

Qui il primo punto a favore del packaging di OneGlass, essendo un formato “piccolo e morbido” quello da 100 ml non avrete problemi di spazio anche a cassetti pieni come nel mio caso.

Il fatto poi che siano “soli” 100 ml vi permette di avere un vino in temperatura ottimale nel giro di pochi minuti.

Il secondo test l’ho fatto nel week end con i due vini rossi, un Sangiovese Toscano ed un Cabernet Sauvignon delle Venezie.
Siccome mi aspettava un week end fuori porta ho messo i due pack nel borsone e sono partito.
Anche qui nessun problema di spazio, ed ottima resistenza da parte del poliaccoppiato utilizzato, nessuna rottura del packaging e nessun travaso di prodotto.

Una cosa che invece non ho trovato comodissima, è il fatto che una volta aperta la confezione, semplicemente strappando con le dita, non ho utilizzato forbici perché credo siano assolutamente superflue, nella zona indicata sul “collo della bottiglia” , il contenitore vada strizzato, con il rischio di macchiarsi.
Qui cercherei un sistema di fuoriuscita più fluido.

Per il resto un prodotto sicuramente diverso che incontra la mia simpatia e stima, perchè io di prodotti diversi me ne intendo 🙂

Read Full Post »

Ne avevamo già scritto in precedenza sull’importanza delle relazioni.
E’ ora venuto il momento di aggiornare il discorso perché ad quelle relazioni ogni giorno nascono nuove opportunità, di business certamente, ma anche di interazione umana.

Ne è un esempio Susanna Crociani, titolare dell’Azienda Agricola Crociani .

Anche Lei ha aderito al nostro post su Vinix incuriosita dal fatto di poter toccare dal vivo le nostre Cromobox.
Ne è nata una conoscenza via web, su Twitter per la precisione, che ci sta portando a creare qualcosa di estremamente nuovo ed a mio parere di veramente interessante per una gamma di utenti Twitter, di più ve lo sveleremo nelle prossime settimane.

Fin qui tutto abbastanza normale direte Voi, ed è qui che arriva il bello!
Durante una conversazione su twitter ed uno scambio di mail Susanna mi chiede l’indirizzo per spedirmi un assaggio del suo vino, io accetto di buon grado ed oggi mi arriva un pacco a mezzo corriere spedito proprio da Susanna.

Ebbene il mio stupore è spiegato dal fatto che sì Susanna mi ha spedito un assaggio del suo vino, ma un assaggio praticamente della sua intera produzione ! ben 6 bottiglie sono arrivate oggi qui in ufficio da me, divise tra vini bianchi e vini rossi, tra cui un Riserva ed una di olio extravergine.

Che dire?
Grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie!
Un grazie per ogni assaggio!

Per tutti Voi che siete curiosi di scoprire i vini dell’ Azienda Agricola Crociani , li trovate anche qui

Read Full Post »

Cominciamo a svelare trucchi e segreti su come ottenere il massimo a livello di comunicazione sulle nostre Cromobox.

Partiamo allora dal principio, dai primi passi.

Cosa voglio comunicare , con chi voglio comunicare e come faccio a farlo?
Passando per semplici regole innanzitutto.
La prima è che un’immagine vale più di mille parole.

Questo perché una bella fotografia è in grado di emozionare molto di più di un testo, sempre che il testo non sia stato scritto ad arte da un copy…
Una fotografia è più immediata, salta all’occhio subito per i colori, i paesaggi e i personaggi che immortaliamo.

Se vogliamo parlare del territorio che tanto amiamo cosa c’é di più immediato di una fotografia che lo ritrae in momenti particolari, come una vendemmia, un tramonto od un’alba?

Quindi basta una semplice fotografia?
Si, per cominciare basta quella nient’altro.

Attraverso la scelta delle immagini si riesce a veicolare un “claim” di assoluto valore, di unico nel suo genere.

Unitamente si può aggiungere una personalizzazione grafica relativa ad eventi specifici e contingentati, per donare alle nostre confezioni una maggiore aura di esclusività.

Una confezione di vino, realizzata esclusivamente per un evento, disponibile solo in limitatissime quantità comporta degli enormi benefici a livello di immagine aziendale, aumenta sensibilmente il ricordo dell’acquirente verso l’azienda.

Attenzione però, esclusivo per il cliente non vuol dire necessariamente costoso per l’azienda, vuol dire maggior valore recepito, maggior fiducia verso chi è in grado di osare per farsi riconoscere, farsi distinguere e di conseguenza farsi ricordare a lungo.

Read Full Post »

Quando diciamo o scriviamo qualcosa a qualcuno siamo sempre sicuri che il nostro messaggio venga recepito nel modo in cui lo abbiamo pensato?

E’ così difficile comunicare qualcosa di noi stessi agli altri?
In linea di massima non dovrebbe essere così complicato, sia nella forma scritta che in quella parlata basterebbe evitare strafalcioni linguistici per farsi capire, giusto?
Invece non è sempre così.
Ti è mai capitato di essere frainteso nella vita reale, magari da una persona che conosci bene?
Si vero?
Tranquillo, è capitato a chiunque sicuramente.
Ma cosa non ha funzionato allora nel tuo modo di comunicare?
Colpa tua o del tuo interlocutore che non ti ha capito? Difficile a dirsi.
Me se a volte è difficile farsi capire da chi ci conosce, come possiamo comunicare al meglio con chi ci conosce poco o peggio ancora non ci conosce per niente?
Una regola semplicissima potrebbe essere quella di comunicare nella maniera più “semplice” possibile.
Prendiamo ad esempio l’utilizzo di Cromobox,
tanto per cambiare 😀 )
Cosa possiamo comunicare attraverso l’utilizzo di una confezione in legno per il vino?
Quale messaggio voglio trasmettere attraverso un imballaggio di legno?
Perché dovrei credere che un così “semplice” strumento possa servire alla mia attività per parlare di me e dei miei prodotti?
Prima di tutto, perché no ?
In fondo quanti di voi lo utilizzano già per imballare, spedire o vendere il vino?
Ma quanti di voi lo sfruttano al pieno delle sue potenzialità?
Lo sfruttate come sfruttate l’etichetta?
Ne curate il design nei minimi dettagli o vi interessa che riporti solo il nome della vostra azienda, magari realizzato in monocolore o marchiato a fuoco o laser?
Perché non sfruttare anche questo elemento per far parlare di voi?
Perché non rendervi riconoscibili tra mille cassette di legno anonime e tutte uguali?

Read Full Post »

Essere partner in ambito lavorativo significa affidarsi a realtà che ben comprendono le nostre esigenze e condividono i nostri obiettivi.
Essere partner significa avere reciproca fiducia.

Fiducia nei servizi offerti, fiducia nelle strategie condivise, fiducia nei mezzi e negli strumenti messi a disposizione dal proprio partner.
Realizzare un prototipo per un’azienda,

 e vederlo finire direttamente sull’ homepage del nostro “potenziale” partner

ci ha molto gratificato, è inutile nasconderlo.
Vuol dire che ci ci ha scelto ha condiviso con noi obiettivi e strategie, si è fidato della nostra visione di business e l’ha condivisa in pieno, non solo a parole.
Ha creduto nella nostra definizione di rivoluzione del packaging, tanto da farlo immediatamente sapere a tutti i visitatori del suo sito internet.

Una dimostrazione di fiducia in Cromobox che ha portato a grosse soddisfazioni reciproche.

Read Full Post »

Precedentemente abbiamo parlato della possibilità di fare marketing mediante l’utilizzo di Cromobox.
In fondo cos’è il marketing?
Wikipedia lo sintetizza così:
Marketing significa letteralmente “piazzare sul mercato” e comprende quindi tutte le azioni aziendali riferibili al mercato destinate al piazzamento di prodotti, considerando come finalità il maggiore profitto e come causalità la possibilità di avere prodotti capaci di realizzare tale operazione”

Piazzare un prodotto, venderlo ai clienti,  questo è l’obiettivo primario e l’unico fine di qualsiasi azienda.
Nessuno produce per il solo gusto di farlo.
Ecco che allora come azienda ci dobbiamo dotare di tutti gli strumenti necessari per realizzare il nostro fine, la vendita.
Fare marketing non è poi così difficile in fondo.
Se sintetizziamo al massimo potremmo definirlo anche così:
« Una funzione organizzativa ed un insieme di processi volti a creare, comunicare e trasmettere un valore ai clienti, ed a gestire i rapporti con essi in modo che diano benefici all’impresa ed ai suoi portatori di interesse. »

E chi meglio di Voi può parlare bene di Voi e della Vostra azienda?

I Vostri prodotti ed i vostri Clienti, ecco chi.

I vostri prodotti parlano già di Voi perché raccontano l’impegno e la passione con cui sono stati prodotti.
Non importa che siano di lusso o di nicchia come una Ferrari o una Porsche.
I Vostri clienti sono la vostra miglior risorsa, non è forse vero che il passaparola è la migliore delle pubblicità?
E allora perché non utilizzare questi due preziosissimi elementi per continuare a far parlare ( bene ovviamente ) di Voi anche dopo l’acquisto?
Cromobox questo è in  grado di farlo utilizzando uno strumento già nelle Vostre mani, il packaging in legno.
Attraverso l’utilizzo di Cromobox sarete in grado di distinguerVi immediatamente dai Vostri concorrenti e di dare un valore aggiunto ai Vostri prodotti che Vi garantirà un’immediato passaparola verso altri futuri clienti.

Non è necessario investire capitali per farsi notare, basta adottare dei semplici accorgimenti con ciò che già utilizziamo.
Un normale packaging di legno è in grado di assolvere al solo compito per cui è stato concepito, l’imballo dei Vostri prodotti.
Lì terminerà il suo utilizzo, salvo essere relegato in cantina o destinato alla discarica, determinando per Voi e per l’ambiente un costo.

Cromobox invece nelle mani dei Vostri clienti potrà essere riutilizzato in mille modi.
Grazie alle sue infinite varianti e combinazioni di grafiche , potrà continuare a restare nelle mani e nelle abitazioni dei vostri clienti ed assolvere ad altri compiti, come un portaoggetti per la casa ad esempio.



Cosa può aiutarVi a fare marketing, a far parlare di Voi?
La cassetta di legno neutra o una Cromobox ?
Quindi cosa state aspettando a distinguerVi ?

Read Full Post »

Older Posts »